Ozonoterapia: azione ed efficacia

 

 

OZONOTERAPIA: LA SUA EFFICACIA 

 
Qualunque tipo di malattia, dolore o infiammazione è dovuto ad un insufficiente apporto di ossigeno e acqua a livello cellulare. Questo provoca, di conseguenza, un deficit micro circolatorio ed un accumulo di acidi nella zona interessata dalla patologia.

L’ Ozonoterapia agisce su tre livelli biologici fondamentali:

 

  • OSSIGENAZIONE

A livello dei globuli rossi l’ozono produce un aumento della loro deformabilità riducendo la viscosità ematica globale  ed aumentando il 2,3-difosfoglicerato (responsabile della cessione di O2 da parte dell’emoglobina ai tessuti).
Di conseguenza si verifica un netto miglioramento del trasporto di O2 (ossigeno).

L’ozono migliora, pertanto, la capacità del sangue di apportare ossigeno ai tessuti: ciò determina una riattivazione del microcircolo, cioè della circolazione sanguigna che si svolge a livello dei vasi minori (precapillari, capillari, venule) e della ossigenazione periferica.

 

  • ANTIOSSIDAZIONE

L’ozono, inoltre, stimola potentemente la riattivazione dei sistemi difensivi enzimatici antiossidanti dell’organismo, ovvero di quelli che devono difenderlo dalle aggressioni tossiche e dai processi ossidativi dell’invecchiamento.
Di conseguenza questo spiega la sua efficacia in tutte quelle patologie, che oggi sembrano costituire la maggioranza, in cui è coinvolto lo stress ossidativo. Parliamo, cioè, di quella condizione patologica causata dalla presenza nel nostro organismo di quantità eccessive di radicali liberi e di altre specie reattive dell’ossigeno. Tale squilibrio è dovuto ad un’eccessiva produzione di questi agenti e/o ad una ridotta efficienza dei fisiologici meccanismi di difesa antiossidanti.

 

  • DISINFEZIONE

L’ozono è anche un potentissimo agente contro batteri, funghi, virus, parassiti: nessun microorganismo resiste alla sua azione.


Tutto sull’Ozonoterapia